| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube

Cosa resta del Manicomio d'Aversa

Reportage fotografico dalla prima casa per "matti" d'Italia.

realcasa-dei-mattill dolore è scritto sui muri: "Preghiamo morire" si legge inciso sulla calce del refettorio  da un internato. In tanti hanno graffiato le pareti con la loro sofferenza, Qui nella Real casa dei matti di Aversa, primo manicomio d'Italia, inaugurato  da Gioacchino Murat nel 1813, nel periodo di massima estensione furono recluse più di 6mila persone.

Fotogallery

Una vera cittadella della follia, suddivisa in reparti per uomini, donne, "agitati", "semiagitati" e  "tranquilli".  Un girone infernale che nei secoli ha inghiottito le vite non solo di malati psichici, ma di poveri, omosessuali, donne ripudiate e fatte passare per matte. Persino i figli indesiderati di giovani di buona famiglia che celavano qui la loro vergogna. Per quei piccoli, destinati dalla nascita al manicomio, era stata allestito un reparto. Dalla chiusura imposta dalla legge Basaglia qesto simbolo di violenza, costrizione e dolore è rimasto abbandonato. Oggi cade a pezzi, i vandali fanno scempio dei tesori artistici di una struttura del 500, e i ladri portano via preziosi affreschi e sculture.

Il tetto è aperto in più punti, il pavimento è coperto d'acqua che si mischia alle cataste di medicinali scaduti da decenni, le pareti sono scrostate dall'umidità. Così sta morendo la memoria di quello che fu il primo e più grande manicomio d'Italia. Un convento del 500 che i francesi decisero di destinare alla reclusione della massa di poveri, accattoni che convergeva verso la capitale del Regno per cercare di che vivere. Da allora e per due secoli è stato il manicomio più importante del paese e un punto di riferimento per la psichiatria dell'epoca. Le stanze con le porte forate, i letti, lo stretto corridoio per l'ora d'aria, i muri ricurvi dei bagni che non concedevano nessun momento al pudore, i macchinari per le analisi, le alte ringhiere, tutto è rimasto fermo all'epoca della chiusura. Dopo la Basaglia e la liberazione dei folli a Roma e Reggio Emilia sono stati realizzati musei della psichiatria, Aversa, come testimoniano le immagini, sta scomparendo sotto il peso dell'incuria.Si è iniziato a mettere in salvo l'archivio, ma poi non è stato fatto più nulla. La proprietà dell'edificio è dell'Asl e della Regione. Negli anni è divenuto preda di vandali e ladri che continuano a distruggere e saccheggiare nell'indifferenza un luogo simbolo della storia d'Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

News

Martedì, 27 Gennaio 2015Addio a Mimmo Garritani
Lunedì, 26 Gennaio 2015Un tedesco e la Shoah
Giovedì, 22 Gennaio 2015"Proteggere le persone non i confini"
Lunedì, 19 Gennaio 2015Nativi digitali? Da oggi ancora di più
Venerdì, 16 Gennaio 2015La cannabis tra ricerca e politica
Giovedì, 15 Gennaio 20151 miliardo di Poveri
Martedì, 13 Gennaio 2015Un SMS per i bimbi disabili in Camerun
Giovedì, 08 Gennaio 2015Sistema sanitario inefficiente
Lunedì, 05 Gennaio 2015La Befana dei migranti
Lunedì, 05 Gennaio 2015Per i bimbi di Volla
Venerdì, 02 Gennaio 2015Novità per i Rom di Cupa Perillo
Mercoledì, 31 Dicembre 2014Gelo e neve: la lunga notte dei senza dimora
Martedì, 30 Dicembre 2014Le “non scelte” della Regione Campania
Martedì, 30 Dicembre 2014Pace in tutte le terre

Agenda

Giovedì, 29 Gennaio 2015Una vita con gli ultimi
Giovedì, 29 Gennaio 2015Una vita con gli ultimi
Martedì, 10 Febbraio 2015Social e bullismo: generazioni connesse
Domenica, 15 Febbraio 2015Aspettando il Carnevale di Scampia
 
 
Una sezione interamente dedicata a ciò che accade a Napoli ma anche alle opportunità di vivere in maniera "sociale" la città.
 
mail

newsletter-iscrizione
  logo-comune-politiche-sociali